pubblicazioni

pubblicazioni

Il giuramento di Vitruvio. Spunti e riflessioni per la didattica nel Restauro

Autori:
Federica Ottoni, Eva Coïsson, Adalgisa Donatelli e Marta Acierno (a cura di)

Editore:
Edizioni Quasar, Roma

Anno:
2021

ISBN:
978-88-5491-228-1​

Il volume, a carattere collettaneo, raccoglie alcune riflessioni e analisi critiche su stato dell’arte e prospettive possibili della Didattica per il Restauro, a partire dagli esiti della giornata di studi DID4RES, organizzata a Parma il 16 Gennaio 2020 in occasione del ventennale della Facoltà di Architettura. Ragionando tra ambito accademico ed esiti professionali, i saggi raccolti indagano confini, sconfinamenti e intersezioni, sempre più evidenti – anche se spesso fluide – con altre discipline, per approdare ad alcuni spunti critici su strumenti e competenze necessarie quando ci si occupi di Restauro.

Link: Il giuramento di Vitruvio

Leggi un estratto: Il giuramento di Vitruvio_ebook

Ultimi Freschi di stampa

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»

altre pubblicazioni   

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»