CEIS_Centro Educativo Italo Svizzero di Rimini. La SIRA ne sostiene la salvaguardia

Ott 28, 2020 | comunicazioni

Pubblichiamo qui la lettera della SIRA – in sostegno alla Fondazione Margherita Zoebeli – “Per la salvaguardia del Centro Educativo Italo Svizzero (CEIS)” di Rimini, che in questi anni è stato oggetto di ripetuti attacchi finalizzati al suo spostamento e alla messa in luce dei resti dell’anfiteatro romano che si ipotizza essere ancora in situ al di sotto delle strutture del CEIS.

Il CEIS – realizzazione di Felix Schwarz di indubbio significato per la storia dell’architettura europea e per l’architettura scolastica del Novecento – rappresenta un bene culturale estremamente singolare per la qualità e fragilità dei manufatti che lo compongono, unici nel loro genere. La SIRA appoggia, con la lettera qui pubblicata, la conservazione di questo ‘monumento involontario’, antesignano di quella solidarietà transnazionale di natura tipicamente europea.

L’invito a tutti i Soci e agli interessati è a diffondere e sottoscrivere il documento, lasciando il proprio commento sul nostro sito.

Ultime news

Paesaggi Culturali a rischio. Sguardi Incrociati e progetto | RISCAPE

Paesaggi Culturali a rischio. Sguardi Incrociati e progetto | RISCAPE

30 settembre 2022 ore 10.00
Dipartimento di Architettura (DIARC), Università degli Studi di Napoli Federico, II Sala del Consiglio, Palazzo Latilla, Napoli
Ms. teams https://bit.ly/3C1umLE

Il 30 settembre 2022 si svolgerà il Seminario tematico “Paesaggi Culturali a rischio. Sguardi Incrociati e progetto”, organizzato nell’ambito del Master di II Livello a.a. 2021/2022 “RISCAPE. Paesaggi a rischio. Il progetto di paesaggio nei territori vulnerabili”, il quale affronta il tema delle letture interdisciplinari di contesti paesaggistici caratterizzati da complesse questioni ambientali.

altro da comunicazioni

Appello del Sindaco di Odessa a UNESCO

Appello del Sindaco di Odessa a UNESCO

Con preoccupazione e vicinanza condividiamo il video-appello del Sindaco di Odessa appena ricevuto dai colleghi ucraini affinché UNESCO riconosca lo status di patrimonio dell’umanità al centro storico della città e ai suo beni architettonici.