SOCIOECONOMIC AND CULTURAL TRANSFORMATIONS IN THE CONTEXT OF THE FOURTH INDUSTRIAL REVOLUTION – Horizon 2020, European Competence Centre for the Preservation and Conservation of Monuments and Site

Gen 13, 2020 | bandi di ricerca, ricerca

Oggetto del bando

Catastrofi naturali come inondazioni, terremoti, incendi e inquinamento possono causare danni irreversibili ai siti che appartengono al patrimonio culturale e ai monumenti. I siti storici e i beni culturali/architettonici negli Stati membri sono in pericolo. Appare chiaro che, oltre a perdere la comune eredità, i settori connessi alla cultura e le industrie correlate (ospitalità e turismo) dipendano dalla conservazione del patrimonio culturale, in tutte le sue connotazioni. La tecnologia digitale può aiutare a preservare la conoscenza di manufatti, musei, monumenti, documenti e siti minacciati e renderli accessibili ai cittadini di tutta Europa e alle generazioni future.

 

Soggetti beneficiari dei contributi

Gli specifici criteri di ammissibilità sono descritti negli Allegati A, B, C, del programma di lavoro. Disposizioni specifiche per rendere disponibili i finanziamenti per i partecipanti ai progetti di Horizon 2020 si trovano nel Manuale online.

La Commissione ritiene che le proposte che richiedono un contributo di circa 3 milioni di euro consentirebbero di affrontare adeguatamente questa sfida specifica. La durata dovrebbe essere di circa 3 anni. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di proposte che richiedano altri importi.

 

Specifica attività di ricerca ammissibile

Il Centro di competenza dovrebbe aiutare le istituzioni culturali a beneficiare delle opportunità offerte dalle nuove tecnologie della digitalizzazione, condividendo le migliori pratiche in materia di requisiti tecnici, legali e di pubblicazione online, oltre ad offrire supporto al fine di favorire l’accesso ai finanziamenti. Il Centro di competenza dovrebbe anche spianare la strada alla futura ricerca europea sul patrimonio culturale, che richiede un approccio interdisciplinare inclusivo, riunendo storici, archeologi, architetti, geografi, ingegneri civili, ingegneri chimici, scienziati della conservazione, ecc.

 

Link al bando: https://ec.europa.eu/info/funding-tenders/opportunities/portal/screen/opportunities/topic-details/dt-transformations-20-2020

 

Scadenza12 marzo 2020, ore 17:00

Ultime news

CHEAC | Cultural Heritage after Covid. Interoperabile Pompeii | Giornata di studi

27 giugno 2022 ore 10.00
Napoli. Aula Magna di Palazzo Gravina. Dipartimento di Architettura

Il convegno che si terrà il prossimo lunedì 27 giugno, alle ore 10, presso l’aula magna di Palazzo Gravina a Napoli presenterà gli esiti del progetto di ricerca finanziato nell’ambito del bando FISR-COVID, dal titolo: “CHEAC. Cultural Heritage after Covid. Interoperable Pompeii. Una piattaforma digitale, tra restauro, progettazione ambientale e nuove opportunità di fruizione”,

“Strategie. Valorizzazione, Riuso e Gestione” | Introduzioni | PhD Days

30 giugno 2022 ore 9.30
MS Teams

Giovedì 30 giugno 2022 alle h. 9:30 si terrà la terza giornata di Introduzioni, dal titolo “Strategie. Valorizzazione, Riuso e Gestione”.
Le giornate di studio e di confronto “PhD-days” sono dedicate al confronto tra le ricerche di dottorato che si stanno svolgendo attualmente sul tema del restauro in campo nazionale.

altri bandi di ricerca

Charter Alliance Meetup: open events

Charter Alliance Meetup: open events

We are happy to announce and extend invitations to two very relevant and promising events coming our way:
1. CHARTER’s first open event: “How can we describe working in the cultural heritage sector?”
Thursday, 10 March –  11:00-12:00 (CET)
2. ENCATC’s next MEMBERS TALK: E-Learning Platform for Cultural Heritage Management
Friday, 25 February –  14:30-15:30 (CET)