pubblicazioni

pubblicazioni

RESTAURO COME IMPEGNO ISTITUZIONALE. L’opera di Alberto Terenzio a Roma e nel Lazio (1928-1952)

Autore:
Adalgisa Donatelli

Editore:
Edizioni Quasar, Roma

Anno:
2019

Alberto Terenzio, Soprintendente di Roma e del Lazio fra il 1928 e il 1952, si trovò ad affrontare un quarto di secolo particolarmente delicato per la tutela e il restauro in Italia, condizionato dalle politiche di esaltazione della romanità promosse dal fascismo e dalle distruzioni provocate dalla guerra.
Lo studio storico-archivistico e la verifica diretta sugli edifici all’epoca restaurati ci restituisce il profilo di un funzionario operoso, ma sostanzialmente pragmatico, poco incline alla formulazione di assunti teoretici, totalmente assorbito dai contenuti gestionali e tecnici del proprio lavoro.
Una personalità, quella dell’architetto piacentino, forse non di primo piano, ma comunque non meno importante per la vicenda concreta dei numerosi monumenti su cui è intervenuto. La sua azione, infatti, nel palesarci la dimensione reale delle difficoltà politiche e tecniche affrontate, dei compromessi imposti, dei nessi fra scelte individuali e contesti, restituisce alla vicenda del restauro una concretezza che la rende ancora viva e per certi versi vicina a noi.
Se, quindi, possiamo considerare conclusa la stagione della ricostruzione in forme semplificate e delle tecnologie cementizie, particolarmente attuale risulta un suo inedito contributo nelle questioni della tutela dell’‘ambiente monumentale’, così come il suo destino di funzionario di Stato, dedito al suo lavoro e vincolato da molti condizionamenti.
Rimanda ancora al legame con la storia di mezzo secolo fa uno specifico approfondimento dedicato ai più recenti restauri che hanno interessato i medesimi monumenti, così da cogliere limiti ed efficacia delle soluzioni adottate nel Novecento. Perché la storia del restauro, oltre a consegnarci uno spaccato delle vicende del passato, si pone sempre come strumento di verifica delle scelte già effettuate e come riferimento per le decisioni da prendere per il futuro.

 

Restauro come impegno istituzionale. L'opera di Alberto Terenzio a Roma e nel lazio (1928-1952)

Ultimi Freschi di stampa

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»

altre pubblicazioni   

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»