pubblicazioni

pubblicazioni

Restauro, Architettura e Città. Per il cinquantenario della Scuola di Specializzazione in Beni architettonici e del Paesaggio dell’Ateneo federiciano

Autore:
Raffaele Amore, Luigi Veronese, Mariarosaria Villani
(a cura di)

Editore:
L’Erma di Bretschneider​, Roma

Anno:
2022

ISBN:
9788891322562

Il volume celebra i primi cinquant’anni della Scuola di specializzazione in Beni architettonici e del Paesaggio dell’Università Federico II di Napoli attraverso una serie di saggi che ne ripercorrono la storia, l’evoluzione, i protagonisti e le attività.
Fondata nel 1969, su iniziativa di Roberto Pane, col nome di Scuola di perfezionamento in Restauro dei monumenti, poi di specializzazione dal 1988, l’istituzione ha assunto un ruolo cruciale quale comunità interdisciplinare per lo studio del patrimonio costruito con uno sguardo poliedrico, consapevole della complessità di approccio che richiede il tema della conservazione.

Attraverso il racconto e le testimonianze dei docenti e dei direttori che si sono avvicendati nell’istituzione, il testo mira a far emergere i plurimi saperi messi in campo nel corso dell’ultimo cinquantennio per la formazione di tecnici specializzati, capaci di operare consapevolmente sul patrimonio costruito e sul paesaggio storico.

Ultimi Freschi di stampa

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»

altre pubblicazioni   

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»