pubblicazioni

pubblicazioni

RESTAURO ARCHITETTONICO. Lettura dai maestri. Antologia critica

Autore:
Letizia Galli

Editore:
HOEPLI, Milano

Anno:
2016

Il testo si propone di affrontare il tema del restauro architettonico dal punto di vista critico, considerandone le diverse interpretazioni e chiavi di lettura date nel tempo da studiosi molto diversi tra loro per formazione e competenze (architetti, ingegneri, storici, filosofi). L’autrice – non a caso ingegnere e architetto dedicata al restauro -affronta i testi di alcuni personaggi chiave della storia del restauro (da Eugène Viollet-le-Duc a John Ruskin, da Camillo Boito a Gustavo Giovannoni, fino a Cesare Brandi) in un antologia che termina con “Un epilogo aperto”, più volto a definire un metodo che a trovare risposte.

 

http://www.hoepli.it/libro/restauro-architettonico/9788820374792.html

 

Ultimi Freschi di stampa

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»

altre pubblicazioni   

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»