pubblicazioni

pubblicazioni

MONUMENTI VIOLATI – Danni bellici e riparazioni in Italia nel 1943-1945: il ruolo degli Alleati

Autore:
Carlotta Coccoli

Editore:
Nardini Editore, Firenze

Anno:
2017

Il libro narra del lavoro svolto da una speciale Divisione dell’esercito angloamericano i cui membri, noti come “Ufficiali per i Monumenti” – al seguito delle Armate alleate che dall’estate 1943 alla primavera del 1945 risalirono la Penisola fino alla sua completa liberazione dal giogo nazifascista – ebbero il compito di portare soccorso ai monumenti italiani devastati dalle bombe del loro stesso esercito e dalla furia delle truppe tedesche in ritirata.

Noti architetti, direttori di musei, storici dell’arte e archeologi anglosassoni – indossata la divisa dei rispettivi eserciti – con l’obiettivo di «prevenire distruzioni e danni a monumenti e opere d’arte d’Italia, salvaguardarli e conservarli, e fornire quando necessario pronto soccorso nelle riparazioni», nei due anni di permanenza in Italia affiancarono i soprintendenti nella difficile opera di rinascita di un patrimonio artistico pesantemente colpito, lottando contro il tempo per garantire gli interventi di “first aid and repairs”. Il volume analizza a questo proposito il lavoro svolto sul campo dagli Ufficiali per i Monumenti, ponendosi l’obiettivo di spiegare quali fossero le mansioni assunte dai suoi membri, i limiti e l’efficacia della loro azione, i rapporti con le gerarchie militari alleate e le autorità italiane, i progetti di messa in sicurezza dei monumenti effettivamente avviati o realizzati, le somme stanziate.

 

Monumenti violati. Danni bellici e riparazioni in Italia nel 1943-1945: il ruolo degli Alleati

Ultimi Freschi di stampa

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»

altre pubblicazioni   

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»