pubblicazioni

pubblicazioni

Modern Heritage between Care and Risk

Autori:
Maria Bonaiti, Sara Di Resta (a cura di)

Editore:
Bembo Officina Editoriale, Università Iuav di Venezia

Anno:
2022

ISBN:
978-88-31241-60-1

The International Conference “Modern Heritage between Care and Risk” (Venice, 4-5th May 2021) was held at Università Iuav di Venezia, in collaboration with Fondation Le Corbusier and Docomomo Italia, under the patronage of SIRA The Italian Society for Architectural Conservation/Restoration. The event offered an opportunity for an international exchange on crucial issues of documentation and preservation of the 20th century architectural heritage in a time of rapid social, cultural and political changes.
The first day has been dedicated to “Ahmedabad. Laboratory of Modern Architecture”, a site-manifesto threatened today by the demolition of relevant dormitories of the Indian Institute of Management by Louis I. Kahn.
The second day has been dedicated to “Living the Architectural Preservation. Modern Houses in the Conservation of 20th Century Heritage”, focused on recent conservation/restoration works of Modern authorial houses and neighbourhoods.
The proceedings collect selected papers presented by international researchers and architects involved in the fields of History of Architecture and Architectural Preservation.

Link Open Accesshttps://www.bemboedizioni.it/public/libri/bembooe_V2.pdf

Ultimi Freschi di stampa

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»

altre pubblicazioni   

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»