Laboratorio sulla ricostruzione dell’Ucraina | Triennale di Milano

Ott 30, 2023 | convegni e workshop

Martedì 31 ottobre 2023, ore 10
Triennale di Milano
Link streaming: 
ENG: https://youtube.com/live/Pk_UFPCHdtY?feature=share
ITA: https://youtube.com/live/xGD_hqvuog8?feature=share
UKR: https://youtube.com/live/emf9vamb09M?feature=share

 

SIRA – Società Italiana per il Restauro dell’Architettura, ha avuto un importante incarico nel quadro dell’impegno italiano per la ricostruzione di Odessa.

Nella missione affidata a Triennale di Milano e MAXXI, i rispettivi presidenti Stefano Boeri e Alessandro Giuli hanno ritenuto che il restauro e la ricostruzione della Cattedrale della Trasfigurazione di Odessa richiedesse competenze specifiche, e hanno ritenuto di trovare in SIRA l’eccellenza del restauro italiano. Si tratterà di un processo delicato, in stretta collaborazione con la delegazione Unesco, in cui l’apporto metodologico comprenderà il confronto con i tecnici e l’ascolto della popolazione.

Un più ampio orizzonte di collaborazione, con il coordinamento Unesco, sembra di grande interesse e più che necessario, data l’entità dei danni nel centro storico di Odessa e in generale nelle aree colpite dal conflitto.
Un primo gruppo di lavoro è stato costituito con alcuni membri del Consiglio Direttivo SIRA, insieme a Stefano Musso, e di volta in volta saranno coinvolte le competenze più opportune per i compiti che si presenteranno.

L’evento di lancio del progetto si terrà martedì 31 ottobre alla Triennale di Milano, con la partecipazione di Chiara Dezzi Bardeschi come delegata Unesco e di Stefano Della Torre in rappresentanza della SIRA.

Per saperne di più: https://triennale.org/eventi/laboratorio-ricostruzione-ucraina

Ultime news

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»

ultimi convegni e workshop