pubblicazioni

pubblicazioni

La città viva di Egle Renata Trincanato. Note e riflessioni dagli archivi

Autore:
Valentina Pintus

Editore:
UNICApress, Cagliari

Anno:
2023

ISBN:
978-88-3312-091-1

Il volume illustra gli esiti di una ricerca, ancora in corso, sull’apporto di Egle Renata Trincanato (1910-1998) alla disciplina del Restauro.
Lo studio fa parte di una ricerca più ampia svolta in seno alla cattedra di Restauro dell’Università degli Studi di Cagliari, coordinata da Caterina Giannattasio, tesa a integrare lo stato dell’arte con il contributo delle figure femminili che hanno operato nell’ambito dell’intervento sul patrimonio culturale. L’indagine qui presentata è stata condotta a partire dall’esplorazione del fondo d’archivio conservato presso l’Archivio Progetti dello IUAV di Venezia. L’intento è quello di inquadrare il pensiero della studiosa nel contesto del Secondo Dopoguerra, in un momento in cui il tema della salvaguardia della città storica è al centro del dibattitto nazionale e internazionale. Trincanato, intrecciando le competenze nella lettura del tessuto urbano, l’impegno nella tutela della città e la spiccata sensibilità per i temi sociali, svolge un ruolo cruciale nella declinazione alla scala urbana della disciplina del Restauro.

Per il download del volume visitare la pagina: https://unicapress.unica.it/index.php/unicapress/catalog/view/978-88-3312-091-1/61/627-1

Ultimi Freschi di stampa

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»

altre pubblicazioni   

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»