La città universitaria di Roma diventa patrimonio architettonico. Ricerche sulla Scuola di Matematica di Gio Ponti a confronto con casi di studio italiani e stranieri

Set 14, 2022 | convegni e workshop

23 e 24 settembre 2022
Roma, Città universitaria, Scuola di Matematica, Aula III
Deadline iscrizione: 19 settembre 2022

Il seminario è occasione per presentare i risultati della ricerca svolta da un gruppo di studiosi di Sapienza sulla Scuola di Matematica nella città universitaria di Roma, opera di Gio Ponti del 1935. Il lavoro è stato finanziato da The Getty Foundation nell’ambito del programma “Keeping It Modern” e ha consentito – per la prima volta nella storia della città universitaria – di affrontare uno studio unitario e interdisciplinare su questo capolavoro dell’architettura del Novecento italiano, e di definire un Piano di Conservazione Programmata che consenta di tutelare l’opera pur mantenendo inalterata la sua destinazione d’uso.

L’evento si articola in due giornate: dopo la presentazione dell’esperienza di ricerca svolta in Sapienza, seguirà un confronto con altri casi di conservazione, tutela e restauro di edifici e campus universitari novecenteschi, in Italia e all’estero. S’intende così restituire un quadro ampio degli studi sull’argomento, che rivela già l’attenzione che gli specialisti e il pubblico in generale prestano oggi al patrimonio architettonico universitario.

Scarica la Locandina con il programma: Seminario-Scuola-di-Matematica_Locandina

Ultime news

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»

ultimi convegni e workshop