«Il monumento per l’uomo» a 60 anni dalla Carta del restauro di Venezia | Convegno di studi

Mag 2, 2024 | convegni e workshop, in evidenza

23-24 maggio 2024
Venezia, Palazzo Ducale, Salone del Piovego

A 60 anni dalla redazione della Carta di Venezia per il restauro e la conservazione di monumenti e siti la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Venezia e Laguna e l’Università IUAV di Venezia promuovono un’occasione di riflessione e confronto, al fine di scorgere e comprendere se gli sviluppi contemporanei della disciplina sulla conservazione abbiano effettivamente accolto e recepito quanto delineato all’epoca. Il Convegno – più che rifarsi pedissequamente ai noti dettami della Carta – vuole riprendere quella che fu l’occasione proficua per la sua nascita, ovverosia il II Congresso Internazionale del Restauro, tenutosi proprio a Venezia dal 25 al 31 maggio 1964. Un richiamo dichiarato espressamente fin dal titolo, volutamente riadottato per riproporre al centro dell’attenzione i soggetti principali dell’intervento del restauro: il monumento e l’uomo. Nel 1964, le ampie riflessioni esposte portarono – come ben risaputo su impulso di Piero Gazzola e Roberto Pane – all’individuazione dei principi di metodo, sulla base dei quali orientare gli sviluppi futuri della disciplina.

Furono mesi intensi – che videro l’impegno corale di personalità eminenti dal differente background quali Guglielmo De Angelis d’Ossat, Elena Bassi, Ferdinando Forlati, Ernesto Griffini, Liliana Grassi, Giuseppe Samonà, Egle Renata Trincanato – che verranno raccontati, in presa diretta, attraverso una mostra fotografica e documentaria che ripercorrerà l’evento del Congresso internazionale degli architetti e tecnici dei monumenti attraverso carteggi, immagini e la rassegna stampa di quell’anno. In detta mostra, inoltre, verranno riproposti materiali provenienti dalla II° Mostra internazionale del restauro monumentale, curata da Marco Dezzi Bardeschi e Piero Sanpaolesi, anch’essa tenutasi a Venezia in occasione del Convegno. Inoltre, la discussione sarà animata anche grazie alle riflessioni osservabili nella mostra organizzata alla Biblioteca dell’Università IUAV di Venezia, che metterà in esposizione articoli e contributi a stampa editi poco prima e subito dopo la pubblicazione della Carta di Venezia.

Da questi presupposti, come fu fatto allora, l’iniziativa incoraggia un’indagine che affronti i diversi campi del restauro in maniera olistica, mediante il coinvolgimento di storici dell’arte, restauratori, architetti, ingegneri, archeologi, e tutte le altre personalità a vario titolo interessate, in un clima che, si auspica, favorisca l’interazione e lo scambio di conoscenze fra saperi differenti ma compenetranti. Particolarmente favorita sarà la partecipazione del mondo del professionismo e delle imprese, nonché delle maestranze specializzate, la cui condivisione del prezioso know-how acquisito diviene importante momento formativo.

A tal fine sarà anche allestita una mostra nella loggia di Palazzo Ducale che raccoglie e presenta tutti gli importanti restauri e interventi conservativi – riguardanti sia il patrimonio architettonico, ma anche archeologico e artistico – che verranno esposti durante le due giornate di studio. L’insieme dei casi proposti darà forma ad un’istantanea dell’attività di restauro contemporaneo – esito della fruttuosa collaborazione fra funzionari della Soprintendenza, professionisti, studiosi e imprese – che restituisce la complessità degli interventi effettuati nel contesto veneziano negli ultimi anni, mostrandone in particolare la strutturazione e lo sviluppo nelle diverse fasi, nonché le particolari soluzioni tecniche impiegate.

L’esposizione di casi pratici – effettivamente progettati e operati – intende infatti essere la principale fonte di discussione in tale Convegno, consentendo una valutazione oggettiva e non meramente ideologica o teorica degli sviluppi del restauro, attraverso episodi significativi che consentano di delineare un panorama più ampio. A tal fine, il racconto di interventi in territorio veneziano si pone come essenziale in ragione della moltitudine di casistiche differenti coabitanti in uno stesso luogo e delle peculiari difficoltà che lo contraddistinguono.

Programma del Convegno di studi: Programma_Convegno di studi

Ultime news

MetroArchaeo2024 | Call for papers

MetroArchaeo2024 | Call for papers

[dipl_breadcrumb breadcrumb_layout="layout2" separator_type="icon_separator" separator_icon="5||divi||400" admin_label="BREADCRUMB" _builder_version="4.16" _module_preset="default" custom_margin="||0px||false|false" custom_padding="||0px||false|false"...

ultimi convegni e workshop