pubblicazioni

pubblicazioni

IL COMPLESSO DI SAN SABA SULL’AVENTINO. Architetture e sedimentazioni di un monumento medievale

Autore:
Silvia Cutarelli

Editore:
Quasar, Roma

Anno:
2020

Radicato sull’altura più piccola dell’Aventino, il complesso di San Saba è costituito dalla basilica e dagli edifici annessi, realizzati sulle strutture superstiti di una residenza tardoantica e di un monastero altomedievale. La continuità d’uso del sito è stata condizionata dalla consacrazione del luogo di culto e ha veicolato, nel tempo, la conversione dell’insediamento a destinazioni molteplici, legate al mutamento del contesto urbano circostante e saldate a trasformazioni graduali o radicali, testimoniate dalla stratificazione dei palinsesti murari.

La ricerca presentata in questo volume ripercorre le vicende architettoniche di un processo secolare, indagate tramite la lettura diretta delle fabbriche, l’analisi documentaria e l’approfondimento degli eventi più significativi, inquadrati in un più ampio panorama storico e geografico. La conoscenza delle dinamiche precipue del complesso aventinese, connotate da iniziative edilizie sovente parziali e individualmente qualificate, ma talora disorganiche, contraddittorie o anche lesive dell’integrità materica delle preesistenze, costituisce la necessaria premessa per definire la realtà attuale del monumento e prefigurare le strategie d’indirizzo relative a un possibile assetto futuro.

Ultimi Freschi di stampa

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»

altre pubblicazioni   

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»