I giovedì del MADLab. Giornata 4: «PONTE ROMANO»

Ott 30, 2021 | convegni e workshop

4 NOVEMBRE 2021, ore 14
La Rassegna, organizzata dal laboratorio MADLab (DIA – Università di Parma) in collaborazione con gli Ordini Professionali di Architetti e Ingegneri e con il patrocinio del Comune di Parma, mira ad affrontare criticamente, dal punto di vista della teoria del restauro, alcuni cantieri e progetti particolarmente significativi che hanno interessato la città negli ultimi anni. Lo scopo è presentare tali progetti inserendosi nel dibattito, tuttora presente nel campo disciplinare del Restauro architettonico, tra approccio conservativo e neo-filologico, aprendo la discussione a livello locale, ma anche nazionale.

III GIORNATA: 4 NOVEMBRE 2021
Aula Magna, Università di Parma – via Università 12

Contenuti e obiettivi della Rassegna

Con la giornata dedicata al Ponte Romano proseguono gli incontri della rassegna organizzata dal laboratorio MADLab (DIA – Università di Parma) in collaborazione con gli Ordini Professionali di Architetti e Ingegneri, e con il patrocinio del Comune di Parma, che mira ad affrontare criticamente, dal punto di vista della teoria del restauro, alcuni cantieri e progetti particolarmente significativi che hanno interessato la città negli ultimi anni. 

Lo scopo è presentare tali progetti inserendosi nel dibattito, tuttora presente nel campo disciplinare del Restauro architettonico, tra approccio conservativo e neo-filologico, aprendo la discussione a livello locale ma anche nazionale. La quarta giornata vedrà la presentazione del progetto di valorizzazione e restauro del ponte romano come occasione di rilancio di uno spazio sotterraneo, in parte dimenticato. Dopo la presentazione del progetto da parte dei progettisti, il racconto di alcuni esempi romani sarà oggetto della lectio magistralis di Riccardo D’Aquino, in dialogo con il caso parmense.

Programma della giornata: I giovedì del MADLab4_Ponte Romano
Programma completo del ciclo di incontri: Locandina

 

Ultime news

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»

ultimi convegni e workshop