pubblicazioni

pubblicazioni

Historical Prisons. Studi e proposte per il riuso del patrimonio carcerario dismesso in Sardegna

Autori:
Giovanni Battista Cocco, Caterina Giannattasio (a cura di)

Rivista:
ArcHistoR (Extra n. 11/2023)

Anno:
2023

ISBN:
978-88-85479-18-0
ISSN:
2384-8898

Numero  Extra n. 11/2023 di ArcHistoR dedicato al tema: “Historical Prisons. Studi e proposte per il riuso del patrimonio carcerario dismesso in Sardegna”.

Il volume, frutto di una ricerca decennale finanziata dal 2017 dalla Fondazione di Sardegna, coordinata da Caterina Giannattasio, raccoglie gli esiti di uno studio interdisciplinare incentrato sull’esplorazione del patrimonio detentivo storico in disuso presente in Sardegna. A partire da percorsi di conoscenza di carattere storico-archivistico, cronologico, tipologico e formale, volti al riconoscimento dell’intimo legame tra valori materiali e immateriali, giunge alla definizione di scenari di riuso e valorizzazione in grado di garantire la qualità del progetto, senza tralasciare aspetti socio-economici e psico-fisici.

ArcHistoR è una rivista open access e peer reviewed (double blind), di Storia dell’architettura e Restauro, pubblicata dall’Università Mediterranea di Reggio Calabria. La rivista ha cadenza semestrale. È una rivista di Classe A (ANVUR) per l’Area 08 – Ingegneria civile ed Architettura, settori C1, D1, E1, E2, F1.

Linkhttp://pkp.unirc.it/ojs/index.php/archistor/issue/view/64

Ultimi Freschi di stampa

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»

altre pubblicazioni   

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

Il bisbiglio dei ricordi indefiniti. Progetto paesaggistico e conservazione attiva dei luoghi archeologici

«La natura, riprendendo a sé i materiali sottratti dall’uomo, opera armonicamente, così da lasciare ai ruderi una possibilità di ricostruzione ideale. Da ciò il fascino e la bellezza delle ruine. Il restauratore che ne limita la forma […] impone al monumento e all’osservatore una sua opinione personale tanto più sgradevole quanto più la natura aveva aggiunto alle ruine il bisbiglio dei ricordi indefiniti che essa sola conosce»