Risoluzione SIRA sulla Riforma dei Saperi

Feb 15, 2022 | comunicazioni, in evidenza


Con grande piacere pubblichiamo il testo della risoluzione dedicata alla Riforma dei Saperi, esito del contributo e del confronto dei Soci in occasione dell’Assemblea Ordinaria Annuale tenutasi lo scorso venerdì 11 febbraio 2022 a Firenze.

 

 

L’Assemblea della Società Italiana per il Restauro dell’Architettura, riunita a Firenze il giorno 11.02.2022, preso atto del documento redatto dal Consiglio Direttivo in merito alle ipotesi di razionalizzazione della classificazione disciplinare nell’Università a seguito del DM 152 del 6 novembre 2021 convertito in L. 233 del 29.12.21, dopo ampia discussione, ha approvato i seguenti punti:

1. Il Restauro architettonico è materia altamente specialistica, strategica per la conservazione e valorizzazione delle risorse culturali, paesaggistiche ed ambientali del Paese, caratterizzata dalla sua propensione progettuale ed operativa;

2. Gli obiettivi di flessibilità e interdisciplinarità devono giustamente riferirsi all’evoluzione delle esigenze del Paese nella sua collocazione internazionale, e a tal fine è importante che i settori e le regole operative rispettino e valorizzino le specifiche competenze e specializzazioni, costitutive dei profili richiesti in uscita, senza favorire confusioni tra materie di base e materie applicative;

3. Nella definizione dei settori potrebbe essere opportuno guardare oltre i confini delle attuali aree CUN, al fine di rispecchiare e sostenere le comunità scientifiche interdisciplinari che si sono costituite attorno ai grandi nodi e temi della ricerca e dello sviluppo, come appunto il patrimonio culturale, senza preclusioni legate all’attuale collocazione delle singole discipline, purché con chiare definizioni dei profili di competenza;

4. Nella nuova classificazione è auspicabile che possano trovare spazio proposte innovative, come quella di rafforzare un settore che riconosca il carattere applicativo e progettuale del restauro architettonico, porti a compimento la riforma in senso accademico del restauro dei beni culturali, e sia aperto alle molteplici componenti disciplinari che già concorrono a costituire una comunità scientifica operante sul patrimonio culturale, con particolare riferimento alla centralità sistemica di quello architettonico.


SIRA Società Italiana per il Restauro Architettonico

 

 
 
Scarica il documento completo in pdf: SIRA_Documento Risoluzione Assemblea

 

Ultime news

CHEAC | Cultural Heritage after Covid. Interoperabile Pompeii | Giornata di studi

CHEAC | Cultural Heritage after Covid. Interoperabile Pompeii | Giornata di studi

27 giugno 2022 ore 10.00
Napoli. Aula Magna di Palazzo Gravina. Dipartimento di Architettura

Il convegno che si terrà il prossimo lunedì 27 giugno, alle ore 10, presso l’aula magna di Palazzo Gravina a Napoli presenterà gli esiti del progetto di ricerca finanziato nell’ambito del bando FISR-COVID, dal titolo: “CHEAC. Cultural Heritage after Covid. Interoperable Pompeii. Una piattaforma digitale, tra restauro, progettazione ambientale e nuove opportunità di fruizione”,

“Strategie. Valorizzazione, Riuso e Gestione” | Introduzioni | PhD Days

“Strategie. Valorizzazione, Riuso e Gestione” | Introduzioni | PhD Days

30 giugno 2022 ore 9.30
MS Teams

Giovedì 30 giugno 2022 alle h. 9:30 si terrà la terza giornata di Introduzioni, dal titolo “Strategie. Valorizzazione, Riuso e Gestione”.
Le giornate di studio e di confronto “PhD-days” sono dedicate al confronto tra le ricerche di dottorato che si stanno svolgendo attualmente sul tema del restauro in campo nazionale.

altro da comunicazioni

Appello del Sindaco di Odessa a UNESCO

Appello del Sindaco di Odessa a UNESCO

Con preoccupazione e vicinanza condividiamo il video-appello del Sindaco di Odessa appena ricevuto dai colleghi ucraini affinché UNESCO riconosca lo status di patrimonio dell’umanità al centro storico della città e ai suo beni architettonici.

Appello dei docenti universitari siciliani al Governo Regionale

Appello dei docenti universitari siciliani al Governo Regionale

Pubblichiamo un appello di docenti universitari siciliani in merito ad un regolamento della Regione Sicilia che va, di fatto, ad abolire le sezioni tecnico-scientifiche della Soprintendenza Regionale, sia con la soppressione degli specifici ruoli, sia con la mancata identificazione nei ruoli dirigenziali di personale tecnicamente e scientificamente formato, con un provvedimento che fa seguito a decenni di progressivo impoverimento della struttura.