pubblicazioni

pubblicazioni

Centri storici, digitalizzazione e restauro | Applicazioni e ultime normative della Carta del Rischio

Autore:
Donatella Fiorani, Marta Acierno, Adalgisa Donatelli, Silvia Cutarelli, Annarita Martello

Editore:
Sapienza Università editrice

Anno:
2023

ISBN:
978-88-9377-277-8​

Il libro completa il lavoro avviato con il volume Centri storici, digitalizzazione e restauro. Applicazioni e prime normative della Carta del Rischio (SUE 2022) sulla Carta del Rischio per i Centri Storici del Ministero della Cultura. I due volumi nascono dalla stretta collaborazione fra Sapienza Università di Roma e MiC e illustrano la modalità per valutare il rischio di perdita del patrimonio storico urbano in Italia tramite l’impiego di un GIS istituzionale. Due approfondimenti sul tema del rischio e sull’impiego del digitale nel restauro evidenziano problematiche e possibilità di gestione dati e, quindi, d’investigazione e orientamento delle attività conservative sul patrimonio costruito. Centrali sono le normative relative alle quattro schede della CdR-CS ancora inedite (Unità Urbana-Edilizia Puntuale e Specialistica, Spazio Urbano, Unità Edilizia, Fronte Edilizio). Chiariscono infine il funzionamento del sistema l’illustrazione dei vocabolari, degli algoritmi utilizzati e l’applicazione di alcuni modelli schedografici.

Il gruppo di lavoro di Sapienza è composto dalle professoresse Donatella Fiorani (Ordinaria), Marta Acierno e Adalgisa Donatelli (Associate), Silvia Cutarelli (Ricercatrice) e dalla dottoranda Annarita Martello, attive nel campo del restauro e nella definizione di strumenti digitali per la conservazione. Si occupano inoltre di teoria e prassi del restauro, dello studio e della salvaguardia dei centri storici, di architettura, costruzione e sicurezza degli edifici del passato.
Presentazione di Alessandra Marino. Con contributi di Carlo Cacace, Maurizio Caperna e Maria Grazia Ercolino.

link: https://www.editricesapienza.it/book/8782

Ultimi Freschi di stampa

Costruire a Venezia. I mutamenti delle tecniche edificatorie lagunari tra Medioevo e Età moderna

Com’è costruita Venezia? Che tecniche sono state utilizzate per realizzare palazzi, cupole e chiese? Quali sono i materiali scelti e perché? È una città di legno o di pietra? Sono solo alcune delle domande che hanno guidato l’indagine di Mario Piana sulla cultura edificatoria veneziana fra Medioevo ed Età moderna. Il risultato è un volume imprescindibile per chi si occupa di patrimonio edilizio storico e per gli appassionati dell’arte veneta.

Melchiorre Bega. Architetture Interni Allestimenti

Il volume, realizzato a partire dall’acquisizione del fondo Melchiorre Bega presso l’Archivio Progetti dell’Università Iuav di Venezia, centro archivistico orientato alla ricerca, rappresenta una costruzione critica aggiornata del profilo analitico della sua opera.

altre pubblicazioni   

Costruire a Venezia. I mutamenti delle tecniche edificatorie lagunari tra Medioevo e Età moderna

Costruire a Venezia. I mutamenti delle tecniche edificatorie lagunari tra Medioevo e Età moderna

Com’è costruita Venezia? Che tecniche sono state utilizzate per realizzare palazzi, cupole e chiese? Quali sono i materiali scelti e perché? È una città di legno o di pietra? Sono solo alcune delle domande che hanno guidato l’indagine di Mario Piana sulla cultura edificatoria veneziana fra Medioevo ed Età moderna. Il risultato è un volume imprescindibile per chi si occupa di patrimonio edilizio storico e per gli appassionati dell’arte veneta.

Melchiorre Bega. Architetture Interni Allestimenti

Melchiorre Bega. Architetture Interni Allestimenti

Il volume, realizzato a partire dall’acquisizione del fondo Melchiorre Bega presso l’Archivio Progetti dell’Università Iuav di Venezia, centro archivistico orientato alla ricerca, rappresenta una costruzione critica aggiornata del profilo analitico della sua opera.