pubblicazioni

pubblicazioni

Da unità sistemica a configurazione episodica. I giardini pubblici di Testaccio a Roma

Autore:
Maria Letizia Accorsi

Editore:
Edizioni Quasar, Roma

Anno:
2018

Lo studio intende indagare il sistema costituito dal parco pubblico di Monte Testaccio e dai due settori del parco Cestio – l’uno collocato alle spalle dell’edificio postale di Adalberto Libera e Mario De Renzi, l’altro posto di fronte oltre la via Marmorata – che appaiono oggi fra loro del tutto sconnessi. Attraverso la ricca documentazione testuale e grafica, in parte inedita, è possibile tracciare l’iter dei diversi progetti, corredati dai dibattiti che hanno accompagnato la fase decisionale; ne emerge il ruolo prioritario assegnato alle viste scenografiche verso le vestigia dell’antichità, l’importanza monumentale riconosciuta al paesaggio storico o storicizzato dall’opera di artisti e letterati del passato, nonché l’attenzione per il patrimonio arboreo in sé.

 

Da unità sistemica a configurazione episodica. I giardini pubblici di Testaccio a Roma

 

 

Ultimi Freschi di stampa

Architetture liberate. L’ex carcere storico di San Sebastiano a Sassari. Architettura e video | Liberated architecture. The historic prison of San Sebastiano in Sassari. Architecture and video

La dismissione delle strutture carcerarie storiche, conseguente al nuovo ‘Piano Straordinario per l’Edilizia Penitenziaria’, varato dal Governo del 2010 e aggiornato nel 2012, permette una riflessione sul tema del loro riuso, offrendo l’occasione per una condivisione d’intenti tra pubbliche amministrazioni e istituzioni accademiche.

altre pubblicazioni   

Architetture liberate. L’ex carcere storico di San Sebastiano a Sassari. Architettura e video | Liberated architecture. The historic prison of San Sebastiano in Sassari. Architecture and video

Architetture liberate. L’ex carcere storico di San Sebastiano a Sassari. Architettura e video | Liberated architecture. The historic prison of San Sebastiano in Sassari. Architecture and video

La dismissione delle strutture carcerarie storiche, conseguente al nuovo ‘Piano Straordinario per l’Edilizia Penitenziaria’, varato dal Governo del 2010 e aggiornato nel 2012, permette una riflessione sul tema del loro riuso, offrendo l’occasione per una condivisione d’intenti tra pubbliche amministrazioni e istituzioni accademiche.