Collaborazione SIRA – MIC “Censimento dei Beni Culturali Abbandonati”

Lug 23, 2022 | comunicazioni, in evidenza

Cari Colleghi,

nell’assemblea dello scorso 11 febbraio a Firenze fu data notizia della collaborazione avviata tra la SIRA e il  MIC, DG Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, Servizio III, sul tema del Programma per gli interventi di censimento dei beni culturali abbandonati (https://beniabbandonati.cultura.gov.it/).

Il 23.6.2022 è stata diramata la circolare n. 32, con cui il MIC comunica alle Soprintendenze lo stanziamento di fondi, attribuiti in funzione dell’estensione territoriale degli uffici; tali fondi potranno essere utilizzati per l’individuazione di figure professionali competenti ai quali affidare l’incarico di inserimento di nuovi dati nella piattaforma di censimento dei beni abbandonati e aree industriali dismesse, stipulando accordi con istituti universitari di ricerca oppure con professionisti. 

I progetti delle Soprintendenze dovranno essere presentati al MIC entro il 30.7.2022, e le attività dovranno essere attivate entro il 15.10.2022. Questi progetti sono intesi come documenti programmatici che delineano gli obiettivi da raggiungere e come si intendono impiegare i fondi, la scheda progettuale quindi può dare conto della collaborazione anche solo indicando la nota di avvio dei rapporti.

Dati i tempi stretti, si invitano i Colleghi interessati a contattare al più presto gli uffici delle Soprintendenze competenti sull’area territoriale di riferimento, citando gli estremi della Circolare sopra citati, al fine di intercettare la preziosa possibilità di collaborazione che si è aperta.

Si invita altresì a offrire collaborazione anche a prescindere dalla formalizzazione degli incarichi e dalla retribuzione, considerata la grande rilevanza potenziale di questo censimento per l’avvio di processi virtuosi e sostenibili su casi che, spesso, formano proprio l’oggetto della nostra attività di ricerca e delle esercitazioni didattiche proposte ai nostri allievi.

Grazie per l’attenzione.

Il Consiglio Direttivo SIRA
Società Italiana per il Restauro dell’Architettura

Ultime news

“Città e guerra. Difese, distruzioni, permanenze delle memorie e dell’immagine urbana” | X Convegno Internazionale CIRICE 2023

“Città e guerra. Difese, distruzioni, permanenze delle memorie e dell’immagine urbana” | X Convegno Internazionale CIRICE 2023

Napoli, 8-10 giugno 2023
Deadline invio abstract: 20.09.2022

In un momento così significativo per la storia europea e mondiale, il X Convegno Internazionale CIRICE 2023 vuole offrire un’occasione di riflessione scientifica sui rapporti tra le scelte politiche, le azioni militari e la fisionomia delle città e del paesaggio urbano, sull’evoluzione delle strutture e delle tecniche di difesa, sulla rappresentazione della guerra e dei suoi effetti sull’immagine urbana, sul recupero delle tracce della memoria cittadina.

CHARTER – European Cultural Heritage Skills Alliance | Erasmus+

CHARTER – European Cultural Heritage Skills Alliance | Erasmus+

L’Università degli Studi di Genova è partner del progetto “CHARTER – European Cultural Heritage Skills Alliance”.
Il consorzio propone ora un questionario (“CHARTER Cultural Heritage Sector Dynamics’ survey”), indirizzato a tutti i soggetti operanti in ogni ambito del settore dei Beni Culturali.
Si allega la lettera di presentazione del questionario, con il link cui accedere per la sua compilazione, anche in Italiano.

altro da comunicazioni

Appello del Sindaco di Odessa a UNESCO

Appello del Sindaco di Odessa a UNESCO

Con preoccupazione e vicinanza condividiamo il video-appello del Sindaco di Odessa appena ricevuto dai colleghi ucraini affinché UNESCO riconosca lo status di patrimonio dell’umanità al centro storico della città e ai suo beni architettonici.

Appello dei docenti universitari siciliani al Governo Regionale

Appello dei docenti universitari siciliani al Governo Regionale

Pubblichiamo un appello di docenti universitari siciliani in merito ad un regolamento della Regione Sicilia che va, di fatto, ad abolire le sezioni tecnico-scientifiche della Soprintendenza Regionale, sia con la soppressione degli specifici ruoli, sia con la mancata identificazione nei ruoli dirigenziali di personale tecnicamente e scientificamente formato, con un provvedimento che fa seguito a decenni di progressivo impoverimento della struttura.