Appello per il Restauro della Madonna della Neve a Cascia

Gen 22, 2022 | comunicazioni, in evidenza

Con piacere SIRA sostiene l’appello del collega Prof. Stefano D’Avino per il restauro della Madonna della Neve a Cascia (Perugia)

***

Cara Collega, caro Collega,

nel settembre del 1979 un intenso evento sismico causò il crollo di un’ampia porzione della cinquecentesca chiesa di S. Maria della Neve, nel comune di Cascia (Perugia), eretta nella seconda metà del XVI secolo.
L’impianto ottagonale a croce greca era sormontato da un tiburio con cupola ad ombrello culminante con un lanternino mentre i bracci erano conclusi da volte a botte unghiate. La parete di fondo, che ospitava l’altare maggiore, era occupata da un’imponente macchina d’altare in legno intagliato policromo che includeva una Madonna con Bambino attribuita alla scuola degli Sparapane, proveniente dal precedente sacello; negli altri tre bracci erano sei nicchie, con altari in muratura. Il complesso programma iconografico, di cui oggi non rimangono purtroppo che labili tracce, venne realizzato fra il 1570 al  1584 dai maestri mevalesi Camillo e Fabio Angelucci.
Oggi, dopo quattro decenni di abbandono, la chiesa di S. Maria della Neve versa in un precario stato di conservazione; le generali condizioni di stabilità della struttura, aggravatesi a causa degli eventi sismici del 2016, inducono a pensare che sia ormai improcrastinabile un intervento di restauro.

Mi rivolgo pertanto a te affinché tu voglia, insieme agli altri colleghi in indirizzo, sostenere tale causa, sottoscrivendo l’appello al Ministro della Cultura, on. Dario Franceschini, che qui allego:
Appello per il restauro di S.Maria della Neve

Un cordiale saluto,

Stefano D’Avino
sdavino@unich.it

***

Per saperne di più: 

Sul restauro della Madonna della Neve
Arte Dossier

 

Ultime news

MONUMENTO E CITTÀ. Lo spazio del Restauro | Tavola rotonda conclusiva

MONUMENTO E CITTÀ. Lo spazio del Restauro | Tavola rotonda conclusiva

25 maggio 2022 ore 16.30
MS Teams

Mercoledì 25 maggio 2022 alle ore 16.30 si terrà la Tavola rotonda conclusiva del Secondo Seminario di Settore Scientifico Disciplinare ICAR/19 Restauro prevista all’interno del ciclo mensile intitolato Monumento e città, lo spazio del Restauro curato dal coordinatore del Dottorato di Ricerca “Architettura, Disegno Industriale e Beni Culturali” Paolo Giordano, Professore Ordinario di Restauro dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli.

“Conservation / Sustainable Design” | EAAE Conservation Network Workshop

“Conservation / Sustainable Design” | EAAE Conservation Network Workshop

21-24 September 2022
Faculty of Architecture, University of Porto

Participants are invited to submit a short abstract before June 20th, 2022. Submission of abstracts should be performed by e-mail: eaae.conservation2022@gmail.com Name, title, institution, country, EAAE member/non member, topic (1, 2 or 3) text approx. 200 words.

“Soglie. Archeologia, Moderno/Contemporaneo” | Introduzioni | PhD Days

“Soglie. Archeologia, Moderno/Contemporaneo” | Introduzioni | PhD Days

27 maggio 2022 ore 9.00
MS Teams

Venerdì 27 maggio 2022 alle h. 9:00 si terrà la prima giornata di Introduzioni, dal titolo “Soglie. Archeologia, Moderno/Contemporaneo”.
Le giornate di studio e di confronto “PhD-days” sono dedicate al confronto tra le ricerche di dottorato che si stanno svolgendo attualmente sul tema del restauro in campo nazionale.

altro da comunicazioni

Appello del Sindaco di Odessa a UNESCO

Appello del Sindaco di Odessa a UNESCO

Con preoccupazione e vicinanza condividiamo il video-appello del Sindaco di Odessa appena ricevuto dai colleghi ucraini affinché UNESCO riconosca lo status di patrimonio dell’umanità al centro storico della città e ai suo beni architettonici.

Appello dei docenti universitari siciliani al Governo Regionale

Appello dei docenti universitari siciliani al Governo Regionale

Pubblichiamo un appello di docenti universitari siciliani in merito ad un regolamento della Regione Sicilia che va, di fatto, ad abolire le sezioni tecnico-scientifiche della Soprintendenza Regionale, sia con la soppressione degli specifici ruoli, sia con la mancata identificazione nei ruoli dirigenziali di personale tecnicamente e scientificamente formato, con un provvedimento che fa seguito a decenni di progressivo impoverimento della struttura.