pubblicazioni

pubblicazioni

AgriCultura: Urban Agriculture and the Heritage Potential of Agrarian Landscape

Autori:
Lionella Scazzosi, Paola Branduini (a cura di)

Editore:
Springer, Berlin

Anno:
2020

ISBN:
978-3-030-49012-6​

This book explains how cultural heritage can be a tool for enhancing urban agriculture and improving landscape and life quality. It cuts across the existing literature and fills the gaps between urban agriculture, considered as a food, social and environmental opportunity and cultural heritage, considered as resource. It focuses the role of the countryside for urban areas, in the history of the city and today. Its attention is on the quality for all areas, both outstanding, ordinary and degraded, as well as large, little or fragmented (European landscape convention 2000). It considers agricultural landscape as a system of tangible and intangible heritage components and relationships, to be retained, enhanced and transmit, in a process of inevitable but appropriate dynamic conservation and management over time (ICOMOS-IFLA Principles 2017). This book can benefit the collaboration among local players –such as farmers, citizens, associations, public institutions, stakeholders – in conserving and enhancing agrarian heritage and reinforcing the identity of places and people. It can strengthen collective action and generate positive effects on good large and local -scale management. The first part has a methodological character in order to enlighten the integrated approach between cultural heritage and urban agriculture.The second part exemplifies cases where the heritage has been recognised but not yet translated into concrete action. The third Part discloses ongoing process of co-construction, where policies have recognized the cultural, environmental and social meaning of urban agriculture as heritage. This book aims to reach scholars, local administrations, professionals, farmers and citizens.

Link: https://link.springer.com/book/10.1007/978-3-030-49012-6

Flyer: Product_flyer

Ultimi Freschi di stampa

Mercati coperti tra fine Ottocento e Novecento. Caratteri, valori, conservazione e scenari per il futuro

Il numero presenta un primo sguardo, necessariamente parziale ma volutamente esteso, sul singolare e articolato patrimonio dei mercati coperti, con lo scopo di riconoscerne e sottolinearne i valori per garantirne la permanenza nel tempo. Si raccontano, in un ideale viaggio attraverso la penisola, la storia, i caratteri, le peculiarità, i progetti in corso o i possibili futuri scenari di alcuni casi rappresentativi.

Castelli Medievali in Sardegna. Sistemi, architetture, tecniche costruttive

I castelli medievali della Sardegna costituiscono da lungo tempo un tema, tanto affascinante quanto articolato, che appassiona studiosi di vari settori. Facendo tesoro di precedenti esperienze, il lavoro qui presentato prende avvio da una visione di sistema alla scala territoriale, nella convinzione che solo a partire da essa sia possibile giungere all’effettiva conoscenza e comprensione di ciascuna realtà architettonica.

altre pubblicazioni   

Mercati coperti tra fine Ottocento e Novecento. Caratteri, valori, conservazione e scenari per il futuro

Mercati coperti tra fine Ottocento e Novecento. Caratteri, valori, conservazione e scenari per il futuro

Il numero presenta un primo sguardo, necessariamente parziale ma volutamente esteso, sul singolare e articolato patrimonio dei mercati coperti, con lo scopo di riconoscerne e sottolinearne i valori per garantirne la permanenza nel tempo. Si raccontano, in un ideale viaggio attraverso la penisola, la storia, i caratteri, le peculiarità, i progetti in corso o i possibili futuri scenari di alcuni casi rappresentativi.

Castelli Medievali in Sardegna. Sistemi, architetture, tecniche costruttive

Castelli Medievali in Sardegna. Sistemi, architetture, tecniche costruttive

I castelli medievali della Sardegna costituiscono da lungo tempo un tema, tanto affascinante quanto articolato, che appassiona studiosi di vari settori. Facendo tesoro di precedenti esperienze, il lavoro qui presentato prende avvio da una visione di sistema alla scala territoriale, nella convinzione che solo a partire da essa sia possibile giungere all’effettiva conoscenza e comprensione di ciascuna realtà architettonica.