Antonio Laurìa, Valbona Flora, Kamela Guza

Five Albanian Villages. Guidelines for a Sustainable Tourism Development through the Enhancement of the Cultural Heritage

Firenze University Press, Firenze, 2020

The assessment that we are products of the past is an invitation, rather than a rule.
Knowing yourself and the history that surrounds you is of great importance to the future, and not only for Albanians.
If you travel through Albania, you begin to understand that time has passed even more than the books that have been written about it. Albanian spiritual riches are often associated with the appearance of the old and the vintage, which could be a house, bridge or religious object. Considering the importance of the universal values they carry, some of them are monuments of cultural heritage and part of UNESCO.
Today, some Albanians have left their homeland and reside in different places around the world. For various reasons, they are looking for ways to be more present in their country of origin, or to retain fragments and pieces of their cultural heritage to present to future generations. In the process, national identity and coexistence with other nations are naturally harmonized.
As human evidence of this commitment, five impressive villages in Albania are highly appreciated by the people familiar with the distance from the country of origin.
This makes their keen sense of appreciation as special as it is human. The five selected villages are as different from each other as the coordinates of a homeland you await to discover with each passing day. They are separated by great distances, but in the space
between them, they carry culture, identity and history.
The project of five villages modestly ‘translates’ the invisible into an act evaluating the need for the contribution of the diaspora as a form of communication and assessment of the quality of life in Albania. It is harmonized to the human aspect where the Italian culture learned in migration serves to ‘illuminate’ the originality of Albanian cultural values.

More Informations
A.M. Oteri, G. Scamardì (a cura di)

Un paese ci vuole. Studi e prospettive per i centri abbandonati e in via di spopolamento, «ArcHistor» Extra, 7

ArcHistoR Extra 7/2020 (supplemento di «ArcHistoR» 13/2020)., Reggio Calabria, 2020

The phenomenon of abandonment today mainly concerns small villages, located in disadvantaged or fragile areas, but also urban and industrial “fragments”, which have concluded their life cycle or have lost their function, becoming incompatible with the socio-economic system. The most obvious causes are natural and anthropic, traumatic and gradual, and depend on the fragility of the territory, often increased by neglect and poor maintenance, in a spiral process in which abandonment
increases neglect, neglect increases abandonment; but they also depend on the traditional socio-economic system, which cannot keep up with the speed of processes in the so-called advanced areas. Depopulation and abandonment are not phenomena of our time. In every age and at every latitude territories have been gradually inhabited, abandoned and
then re-inhabited, according to a life cycle that is sometimes natural, sometimes unnaturally accelerated by political choices. However, it is evident, looking at the history of places, that single events have almost never been the sole cause of abandonment: often communities have faced and overcome a disaster, finding in themselves the stimuli and solutions for a possible recovery. Problems arise, however, when human action is added to the event, a disrespectful, short-sighted intervention or even simple inaction. These are political actions that directly or indirectly trigger processes of abandonment, where they do not follow the history, needs and identity of places and communities

More Informations
N. Marchetti, G. Franco, S.F. Musso,M.B. Spadolini

An Integrated Approach for an Archaeological and Environmental Park in South-Eastern Turkey

Springer, , 2020

This book reports on a public archaeology project carried out at the ancient site of Tilmen Höyük in south-eastern Turkey. The project developed and applied new methodologies and advanced technologies for the planning, design, conservation and management of an archaeological park at a site of high cultural, environmental and touristic interest, representing a significant study case for other archaeological sites in the Mediterranean area and beyond. It highlights state-of-the-art techniques of remote sensing, both for archaeological surveying and for territorial and environmental analysis through the study of high-definition aerial photos and digital photogrammetry. It also takes into account the ecological and environmental characterization data elaborated by environmental and botanic experts, fundamental for the purposes of eco-sustainability and management of the site, through climate and ground measurements aiming at vegetation control and a management model for the archaeological site itself and its green areas of outstanding naturalistic interest. Further, the book comprehensively discusses the analysis of the state of preservation of the archaeological remains and their effective conservation based on a set of measures guided by the principles of minimum intervention, feasibility and low impact on the remains, the site and its landscape. Moreover, it presents novel devices and fixed structures aimed at protecting the fragile archaeological remains and allowing safe access to visitors to the newly created archaeological park. At the intersection of archaeology, architecture and natural sciences, this book appeals to researchers and specialists in archaeology, social sciences, environmental sciences, conservation, architecture and engineering disciplines.

More Informations
Giovanna Franco, Stefano Francesco Musso, Lucina Napoleone

La Scuole di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio di Genova. Sintesi di un’esperienza

GENOVA UNIVERSITY PRESS, GENOVA, 2020

Il volume raccoglie gli esiti delle attività condotte, nell’arco temporale di 25 anni, da docente studenti della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio dell’Università di Genova (già Scuola di Specializzazione in Restauro dei Monumenti). La Scuola offre una preparazione professionalizzante a coloro che prediligono, nel proprio ambito di interessi, la tutela e la conservazione attiva dei beni architettonici e paesistici e ai quali si richiede, sempre più, una preparazione scientifica e tecnica altamente qualificata. L’universo dei manufatti cui il restauro volge la sua attenzione è straordinariamente ricco e in continua espansione e sfugge a ogni pretesa di totale e autonomo dominio da parte di una specifica disciplina e, a maggior ragione, di singoli operatori tecnici. Il percorso formativo post-laurea magistrale della Scuola, caratterizzato da una ricchezza disciplinare e di approcci formativi, risponde così alla estrema complessità dell’intervento di conservazione, restauro, riuso e valorizzazione del patrimonio architettonico di interesse culturale, non esclusivamente monumentale.

More Informations
Grazia Tucci

JERUSALEM. THE HOLY SEPULCHRE RESEARCH AND INVESTIGATIONS (2007-2011)

Altralinea Edizioni, Firenze, 2019

Jerusalem is situated in a highly seismic zone, and in the past has been the theatre of disastrous earthquakes. One of these was the 1927 quake, which seriously damaged the Basilica of the Holy Sepulchre. A study of the city of Jerusalem has revealed a cyclical pattern of repeated seismic events, every 100 years or so. The desire to avert a danger, foretold in advance, lay behind the project described in this volume. In 2006 the three Major Communities of the Holy Sepulchre invited a research team from Florence University. Architects, surveyors, geologists and structural engineers conducted the investigations, in a highly interdisciplinary collaboration. It was an extraordinary opportunity to draw up a complete survey, using new technology. This resulted in a three-dimensional digital model of the structural situation on that date: a powerful, exhaustive tool for the continuation of further research, and documentation, in the future.

More Informations
Francesco La Regina

LA REGOLA, LA MATERIA, LA FORMA. Il cantiere del costruito storico e la ‘questione del metodo’

Altralinea Edizioni, Firenze, 2019

Il patrimonio architettonico e urbano del nostro passato è sempre più esposto al rischio di distruzione e manipolazione, a causa anche del permanere di equivoci culturali presso gran parte di coloro che si ritengono autorizzati a intervenire sulle opere e sui siti esistenti. Il saggio vuole indagare i diversi criteri e modi di intervento, non per sostenere la validità di un metodo rispetto a un altro, ma per esaminarne i principi interni di strutturazione. Le esperienze acquisite possano tutte ricondursi a tre precise direttive e finalità d’intervento:
a) operare sul piano delle regole della stessa opera su cui si interviene;
b) esibire la distinzione fra segni del passato e del presente, anche rinunciando a qualsiasi forma di compromissione con la materia costruita per garantirne l’autenticità;
c) agire in ossequio alla forma architettonica, in veste di immagine e confronto fra i linguaggi del passato e quelli del presente.
Vengono prospettate le antitesi, i contrasti, le contraddizioni, le affinità problematiche e le prospettive metodologiche compatibili e sostenibili, in un taglio decisamente analitico, tendente a chiarire i termini dei vari problemi, più che a risolverli.

More Informations
Silvia Cutarelli

IL COMPLESSO DI SAN SABA SULL’AVENTINO. Architetture e sedimentazioni di un monumento medievale

Quasar, Roma, 2020

Radicato sull’altura più piccola dell’Aventino, il complesso di San Saba è costituito dalla basilica e dagli edifici annessi, realizzati sulle strutture superstiti di una residenza tardoantica e di un monastero altomedievale. La continuità d’uso del sito è stata condizionata dalla consacrazione del luogo di culto e ha veicolato, nel tempo, la conversione dell’insediamento a destinazioni molteplici, legate al mutamento del contesto urbano circostante e saldate a trasformazioni graduali o radicali, testimoniate dalla stratificazione dei palinsesti murari.
La ricerca presentata in questo volume ripercorre le vicende architettoniche di un processo secolare, indagate tramite la lettura diretta delle fabbriche, l’analisi documentaria e l’approfondimento degli eventi più significativi, inquadrati in un più ampio panorama storico e geografico. La conoscenza delle dinamiche precipue del complesso aventinese, connotate da iniziative edilizie sovente parziali e individualmente qualificate, ma talora disorganiche, contraddittorie o anche lesive dell’integrità materica delle preesistenze, costituisce la necessaria premessa per definire la realtà attuale del monumento e prefigurare le strategie d’indirizzo relative a un possibile assetto futuro.

More Informations
Autori Vari

Confronti – Il restauro nei territori in conflitto

arte'm, Napoli, 2019

sempre attenta ai temi centrali nel dibattito internazionale sulla conservazione dei beni culturali, la rivista confronti, in questo numero, si incentra sui conflitti recenti che hanno recato danni al patrimonio costruito, soffermandosi, tra gli altri argomenti, su alcune ricostruzioni in atto in paesi africani come la libia e l’egitto, nonché sul progetto di rinnovamento del museo del bardo a tunisi e su altre interessanti esperienze di ricostruzione messe in atto dopo la ‘rivoluzione dei gelsomini’ avvenuta nel contesto della ‘primavera araba’, tra il 2010 e il 2011.
restauri in corso in nazioni sud-orientali dell’europa come la bosnia-erzegovina, la croazia, il montenegro, il kosovo, altri ancora sulle operazioni svolte in paesi medio-orientali come la siria, la palestina, il libano, la giordania e lo yemen sono alcune delle realtà indagate nei contributi del periodico che, dopo i primi numeri dedicati al restauro del moderno e alla conservazione delle infrastrutture urbane, si apre ad una prospettiva sempre più ampia e internazionale.

More Informations
Donatella Fiorani, Giovanna Franco, Loughlin Kealy, Stefano Francesco Musso, Miguel Angel Calvo- Salve

CONSERVATION CONSUMPTION – PRESERVING THE TANGIBLE AND INTANGIBLE VALUES

EAAE, Hasselt Belgium, 2019

Il Volume raccoglie gli esiti del VI Workshop del Conservation Thematic Network della EAAE-European Association for Architectural Education, tenutosi a Santiago de Compostela e A Coruna, nel 2017
Il libro è scaricabile in formato PDF dal seguente indirizzo web : http://www.eaae.be/publications/transactions/

More Informations
Andrea Pane (a cura di)

Compasses – HERITAGE AT RISK

e.built, , 2019

Compasses, rivista scientifica di architettura e design internazionale a doppia lingua inglese/italiano, diretta dal 2016 da Andrea Pane, presenta in questo numero 31 un approfondimento sul tema dell’Heritage at risk, indagato a tutto campo, dalle scottanti questioni di Notre-Dame all’indomani dell’incendio (con un articolo dello stesso Pane), a un focus sul tema dell’archeologia in Medio Oriente. Dalla Libia alla Turchia, dalla Palestina all’Iran, dagli UAE al Libano, gli articoli che compongono questo numero hanno, quasi tutti, come leitmotiv il patrimonio a rischio, in particolare quello archeologico, minacciato non solo dai conflitti, ma anche da fenomeni naturali e antropici di consunzione. Nel primo gruppo ritroviamo la Libia (indagata da Chiara Dezzi Bardeschi), i cui siti sono oggi minacciati dall’abbandono e dai saccheggi, ma anche la Palestina (di Cristina Bronzino), il cui paesaggio culturale è compromesso dal conflitto latente che segna quel territorio ormai da molti decenni. Nel secondo gruppo emergono, con problemi ed esiti diversi, i casi del patrimonio archeologico della Turchia (approfonditi da Emanuele Romeo) e dell’Iran (da Sahar Ahmadinezhad), mentre la città di Beirut è indagata (da Monica Mazzolani) per le imponenti trasformazioni urbane che segnano da decenni una delle città più complesse e multiculturali del Medio Oriente, con uno specifico approfondimento architettonico sulla tomba di Rafiq Hariri realizzata dall’architetto francese Marc Barani (da Marianne Ducroq). Ne viene fuori un numero ricco e articolato, che invita a riflettere sul tema del patrimonio a rischio in Medio Oriente, affinché si possa davvero voltare pagina rispetto a un decennio che ha visto compiere le più scellerate azioni in nome di un fanatismo vandalico che ha finito per distruggere anche sé stesso.

More Informations