Cognome e Nome

Di Resta Sara

Tipologia Socio Effettivo
Data di Nascita 15 dicembre 1979
Qualifica Ricercatore TD-B
Università Università IUAV di Venezia
Dipartimento DCP Dipartimento di Culture del Progetto
Indirizzo Dorsoduro 2206, Terese 30135 Venezia
Telefono +39 041 2571279
Email sara.diresta@iuav.it
Web http://www.iuav.it/Ateneo1/docenti/architettu/docenti-a-/Di-Resta-S/index.htm
Ambito di Ricerca Conservazione del patrimonio del XX secolo; Progetto per il costruito; Antico e Nuovo in architettura; Ricostruzione post-bellica
Attività Didattica http://www.iuav.it/Ateneo1/docenti/architettu/docenti-a-/Di-R...
Curriculum e Pubblicazioni Curriculum vitae: Sara Di Resta si laurea con lode all’Università Iuav di Venezia in Storia e Conservazione dei Beni Architettonici e Ambientali (2003) e in Architettura (2005). È dottore di ricerca in Conservazione dei Beni Architettonici con tesi su “Il linguaggio dell'architettura contemporanea per il restauro” (2010). Dal 2018 è ricercatore TD-B in restauro architettonico all’Università Iuav di Venezia, dove, dal 2013, era in servizio come ricercatore TD-A. È componente del Consiglio della SSIBAP Scuola di Specializzazione Iuav in Beni Architettonici e del Paesaggio e membro del comitato scientifico del Convegno Internazionale Scienza e Beni Culturali. È autrice di volumi e saggi dedicati alla conservazione del patrimonio del XX secolo e al rapporto tra Antico e Nuovo in architettura. Ha fatto parte del programma PRIN 2007 “Danni bellici e restauro”. Tre le sue pubblicazioni, la monografia “Le «forme» della conservazione. Intenzioni e prassi dell’architettura contemporanea per il restauro” (Gangemi 2016). È relatore e chairman in convegni internazionali tra i quali DOCOMOMO (Lisbona 2016, Lubiana 2018), EAAE (Bucarest 2011, Hasselt 2015, La Coruña 2017), RMB (Berlino 2019). Nel 2018 è autore e consulente scientifico per la mostra “Ricostruzioni. Architetture, città, paesaggio nell’epoca delle distruzioni” (Triennale di Milano). Tra le sue collaborazioni, l'intervento di restauro del Tempietto Barbaro di Andrea Palladio, dell’ex Panificio Santa Marta a Verona, il piano di salvaguardia della Cattedrale di Jaén. Fa parte del gruppo vincitore del concorso internazionale MUDI Nuovo Museo degli Innocenti a Firenze e del concorso per la valorizzazione dei Fondi ex-Cossar ad Aquileia. Tra il 2011 e il 2013 è consulente di ICCD (MiBAC) per la valutazione della sicurezza sismica degli edifici storici. Dal 2013 è socio di SIRA onlus - Società Italiana per il Restauro Architettonico. Medaglia d’oro del Premio Internazionale Domus Restauro e Conservazione “Fassa Bortolo” (Theses Supervisor, 2017), nello stesso anno consegue l’Abilitazione Scientifica Nazionale per il ruolo di Professore Associato (II fascia) nel settore concorsuale 08/E2 (Restauro e Storia dell’architettura). Pubblicazioni:
  1. Di Resta, Le «forme» della conservazione. Intenzioni e prassi dell’architettura contemporanea per il restauro, Roma, Gangemi 2016, pp. 1-304, ISBN 978-88-492-3307-0
  2. Di Resta, R. Bartolone, Identity and change in the reuse of Masieri Memorial by Carlo Scarpa in Venice, in A. Tostões, N. Koselj (a cura di),Metamorphosis. The Continuity of Change, 15th International Docomomo Conference Proceedings, Ljubljana 28-31 August 2018, Docomomo Slovenia 2018, pp. 337-342, ISBN 978-989-99645-3-2
  3. Di Resta, La prova del tempo, le oscillazioni del gusto. Cantieri per un’icona: la maison La Roche-Jeanneret di Le Corbusier tra il 1925 e il 1965, in P. Faccio (a cura di), Le Corbusier. Sette architetture. Conoscenza e conservazione dell’architettura del XX secolo, Altralinea, Firenze 2016, pp. 21-36, ISBN 978-88-98743-94-0
  4. Di Resta, «To create is divine, to reproduce is human». Is an approach based on Cesare Brandi’s possible for modern surfaces?, in R. Crisan, G. Franco, L. Kealy, S. F. Musso (a cura di), Conservation / Regeneration. The modernist neighborhoods, EAAE, n. 58, Leuven 2012, pp. 371-388, ISBN 9782930301570
  5. Di Resta, La scaena lignea del Teatro Olimpico di Vicenza (1944-1948). La vicenda delle prospettive scamozziane dallo smontaggio, al trasporto, alla ricomposizione, in L. De Stefani (a cura di), Guerra, monumenti, ricostruzione. Architetture e centri storici italiani nel secondo conflitto mondiale, Marsilio, Venezia 2011, pp. 671-674, ISBN 9788831710749
  6. Di Resta, Progetti disattesi, architetture costruite. Il caso della ricevitoria postelegrafonica di Angiolo Mazzoni a Sabaudia (1933-1934),in Quaderni del Dipartimento PAU, nn. 37-40, Gangemi, Roma 2011, pp. 217-222, ISBN 9788849222852