Cognome e Nome

Pollone Stefania

Tipologia Socio Aggregato
Data di Nascita
Qualifica Assegnista di Ricerca in Restauro
Università Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento Dipartimento di Architettura - DiARC
Indirizzo Complesso dello Spirito Santo, via Toledo 402, 80134 Napoli
Telefono
Email stefania.pollone2@unina.it
Web https://unina.academia.edu/StefaniaPollone
Ambito di Ricerca Storia del restauro archeologico. Conoscenza delle tecniche costruttive tradizionali e del cantiere storico. Conservazione e fruizione del patrimonio culturale
Attività Didattica Didattica integrativa al Corso di Laboratorio di Restauro. Co...
Curriculum e Pubblicazioni Stefania Pollone, architetto e Ph.D. in Storia e Conservazione dei Beni Architettonici e del Paesaggio, è assegnista di ricerca in Restauro presso il DiARC. Conduce studi inerenti la storia del restauro, le tecniche costruttive tradizionali e il cantiere storico, approfondendo questioni di conoscenza e conservazione del patrimonio culturale, problematiche di fruizione, accessibilità e protezione dei contesti archeologici della Campania, con specifico riferimento a Paestum e Pompei, così come di salvaguardia e protezione dei paesaggi fluviali e costieri. Porta avanti, inoltre, ricerche connesse alla conoscenza del cantiere storico, delle tecniche costruttive e delle vulnerabilità delle cupole murarie del Rinascimento in Campania, focalizzando, al contempo, l'attenzione sulla definizione di strategie innovative e multitematiche per il miglioramento della fruizione di tale patrimonio. Partecipa a gruppi di ricerca nell’ambito di progetti universitari, all'organizzazione e al coordinamento di Mostre, Giornate di Studi e Seminari, ed è relatore in Giornate di Studi, Seminari e Convegni nazionali e internazionali, pubblicando i risultati delle proprie ricerche in volumi collettivi, riviste scientifiche e Atti di convegno. | FORMAZIONE | Nel 2011 si laurea con lode e dignità di pubblicazione in Architettura presso il DiARC, con una tesi in Restauro dal titolo Il Restauro dell’Immacolatella nel porto di Napoli, relatore prof. arch. Valentina Russo. Nel 2013 partecipa all’Erasmus Intensive Programme (IP) Archaeological Landscape_Preservation, Design, Use (PreDU 2013) presso l'International Summer School di Izmir. L'anno successivo partecipa alla Summer School Internazionale L'Aquila - The Future of the Historical Center: A Challenge for Art History, organizzata dal Kunsthistorisches Institut in Florenz. Nel 2016 consegue il dottorato di ricerca in Storia e Conservazione dei Beni Architettonici e del Paesaggio, indirizzo Conservazione dei Beni Architettonici e del Paesaggio (XXVIII ciclo 2013-2016) presso il DiARC, con una tesi dal titolo «Che forma la meraviglia dell’Intiera Europa». Conoscenza, interpretazione e restauro dell’antico a Paestum tra il tardo Settecento e la prima metà dell’Ottocento. Dal 2018 è funzionario architetto presso il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali - Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Napoli. | ATTIVITA' DI RICERCA | Tra il 2012 e il 2013 partecipa alla seconda fase del progetto ‘Bando FARO 2010. Pompei accessibile. Linee-guida per la fruizione ampliata del sito archeologico’ (coordin. scientifico prof. arch. Renata Picone). Entro tale ricerca fa parte del gruppo di lavoro che approfondisce le problematiche dell’accessibilità all’area di Porta Nocera e al sistema della murazione antica. Dal 2014 è membro dell’Unità di Ricerca Interdipartimentale di Ateneo Naples Accessibility Lab incentrata sul tema dell’accessibilità al patrimonio culturale (coordin. prof. arch. R. Picone). Dal 2015 partecipa al gruppo di ricerca interdipartimentale per il miglioramento dell’accessibilità dell’Insula Occidentalis di Pompei (coordin. scientifico prof. arch. R. Picone) nell’ambito dell’Accordo quadro tra l'Università degli Studi di Napoli Federico II e la Soprintendenza Speciale per Pompei Ercolano e Stabia per lo svolgimento di attività di ricerca e didattica finalizzata alla valorizzazione, fruizione e divulgazione del sito di Pompei. Presso il DiARC nel 2017 è borsista di ricerca ai fini della “Caratterizzazione materico-costruttiva e interpretazione delle patologie di danno delle parti lapidee e finiture ai fini della conservazione dell’Abbazia medioevale di San Pietro a Crapolla” e assegnista di ricerca (2017-2019) nell’ambito del programma di ricerca “Cupole murarie nel Cinquecento campano. Sistemi avanzati di conoscenza per la caratterizzazione storico-costruttiva e per una fruizione pluritematica”. Dal 2018 partecipa al gruppo di ricerca interdipartimentale per la “Progettazione definitiva del parco archeologico annesso alla Stazione Municipio della Linea 1 della Metropolitana” nell’ambito della Convenzione di Ricerca e Consulenza Tecnico-Scientifica tra il Dipartimento di Architettura dell’Università di Napoli Federico II e la Società Metropolitana di Napoli S.p.a., responsabile scientifico prof. arch. Andrea Pane. | ATTIVITA' DIDATTICA | Dal 2012 collabora come Cultore della Materia alle attività didattiche dei corsi di Fondamenti di restauro, nel Corso di Laurea triennale in Scienze dell’architettura, e di Laboratorio di Restauro, nel Corso di Laurea Magistrale in Architettura 5UE, tenuti dalla prof. arch. Valentina Russo presso il DiARC, attraverso lo svolgimento di lezioni in aula su argomenti previsti nei programmi, la partecipazione a sopralluoghi svolti nell’ambito dei corsi e alle Commissioni d’esame, l’assistenza all’elaborazione di temi d’anno e tesi di laurea. Nel 2016 è docente nell’ambito del progetto di ricerca e formazione ‘Metrics – Tecnici di ricerca da impiegarsi nel settore della valutazione della sicurezza, della gestione e della riqualificazione sostenibile dei centri storici’ (PON03_00093_5/F1), nel corso SK2: ‘Esperto in riqualificazione sostenibile dei centri storici’. È docente a contratto per gli anni accademici 2015/2016 e 2016/2017 presso il DiARC nell’ambito delle Attività Didattiche Integrative all’insegnamento di Laboratorio di Restauro C, tenuto dalla prof. arch. Valentina Russo (ai sensi del comma 2, art. 23, L. 240/2010). Nell'anno accademico 2018/2019 tiene un Ciclo di Seminari nell'ambito delle attività didattiche a scelta dello studente dal titolo "Crossing Europe. Esperienze europee nel dibattito contemporaneo sul restauro architettonico". | PRINCIPALI PUBBLICAZIONI |
  1. S. Pollone, Architetture del silenzio in Costa d’Amalfi. Eremi e luoghi dell’isolamento tra conoscenza, conservazione e nuove prospettive di fruizione, in La Città Altra. Storia e immagine della diversità urbana: luoghi e paesaggi dei privilegi e del benessere, dell’isolamento, del disagio, della multiculturalità, a cura di F. Capano, M.I. Pascariello, M. Visone, CIRICE, Napoli 2018, pp. 1903-1913 [ISBN 978-88-99930-03-5].
  2. Pollone, Attraverso l’Antico. Prosper Morey e l’Architettura del Mezzogiorno d’Italia, in «‘Ananke», 83, gennaio 2018, pp. 123-128 [ISSN 1129-8219; ISBN 978-88-94869-16-3].
  3. S. Pollone, Materials tested by time. Quality and durability of the restorations of the temples of Paestum from the nineteenth-century approaches to the contemporary issues of conservation, in Proceedings of the 4th WTA International PhD Symposium, (Delft, 13-16 settembre 2017), a cura di R. Van Hees, W. Quist, S. Granneman, WTA Nederland – Vlaanderen, Delft-Heverlee 2017, pp. 107-114 [ISBN 978-90-79216-19-2].
  4. S. Pollone, La chiesa di Santa Maria del Popolo: un palinsesto architettonico a rischio nel complesso degli Incurabili di Napoli, in L’arte del costruire in Campania tra restauro e sicurezza strutturale, a cura di R. Picone, V. Russo, Clean, Napoli 2017, pp. 79-94 [ISBN 978-88-8497-620-8].
  5. S. Pollone, Tra natura e artificio. Il Vallone dei Mulini di Sorrento nel paesaggio culturale della Penisola Sorrentina, in La Baia di Napoli. Strategie integrate per la conservazione e la fruizione del paesaggio culturale, a cura di A. Aveta, B.G. Marino, R. Amore, artstudiopaparo, Napoli 2017, II, pp. 263-268 [ISSN 2421-034X; ISBN 978-88-99130-688].
  6. S. Pollone, Tra proporzione, ordine e costruzione. Viollet-le-Duc e i templi di Paestum, in Viollet-le-Duc e l’Ottocento. Contributi al margine di una celebrazione (1814-2014), in «ArcHistoR EXTRA», numero monografico a cura di A.M. Oteri, 1, 2017, pp. 250-285 [ISSN 2384-8898; ISBN 978-88-85479-00-5; DOI: 10.14633/AHR049].
  7. S. Pollone, Il paesaggio archeologico della Piana del Sele tra conservazione e “modernizzazione”. Paestum e la «nuova strada del Cilento» (1827-1829), in «Storia Urbana», 152-153, 2016, pp. 79-112 [ISSN 0391-2248; DOI: 10.3280/SU2016-152004].
  8. S. Pollone, Iconografia e storiografia nel paesaggio archeologico di Paestum. Riflessi sul cantiere di restauro tra il XVIII e il XIX secolo, in «Eikonocity», 1, 2016, pp. 53-73 [DOI: 10.6092/2499-1422/3747].
  9. S. Pollone, Identità in ‘differita’. Immagini del paesaggio storico d’Abruzzo tra sedimentazione e trasformazione, in Delli Aspetti dei Paesi. Vecchi e Nuovi Media per l’immagine del paesaggio. Old and New Media for the landscape image. Tomo II - Rappresentazione, memoria, conservazione, a cura di F. Capano, M.I. Pascariello, M. Visone, CIRICE, Napoli 2016, pp. 691-700 [ISBN 978-88-99930-01-1(e-book)].
  10. S. Pollone, F. Marulo, Stratification and metamorphosis of an urban landscape: the ancient fortification of Sorrento, in Defensive Architectures of the Mediterranean. XV to XVIII centuries, Proceedings of the 2nd International Conference on Modern Age Fortifications of the western Mediterranean coast (Firenze, 10-12 novembre 2016), a cura di G. Verdiani, DIDApress, Firenze 2016, IV, pp. 61-68 [ISBN 978-88-9608-060-3].
  11. Pollone, «Senza però confondere il nuovo lavoro con l’antico». La reintegrazione delle lacune nei restauri ottocenteschi dei Templi di Paestum, in La lacuna nel restauro architettonico, «Confronti. Quaderni di restauro architettonico», numero monografico,4-5, 2015, pp. 72-83.
  12. S. Pollone, Between Permanence and Transformation: ‘Sacred’ Routes in Sorrento-Amalfi Peninsula, in The European Pilgrimages Routes for promoting sustainable and quality tourism in rural areas, Proceedings of the International Conference (Firenze, 4-6 dicembre 2014), a cura di G. Bambi e M. Barbara, Firenze University Press, Firenze 2015, pp. 147-163 [ISBN 978-88-6655-812-5 (online)].
  13. S. Pollone, L. Romano, Transformations and Permanences of landscape and architecture: the Minerva Tower of Punta Campanella in the Sorrento-Amalfi Peninsula, in Defensive architectures of the Mediterranean XV to XVIII Centuries, Proceedings of the Ist International Conference on Modern Age fortifications of the western Mediterranean coast (Valencia, 15-17 ottobre 2015), a cura di P. Rodríguez-Navarro, Editorial Universitat Politècnica de Valencia, Valencia 2015, II, pp. 273-280 [ISBN 978-84-9048-377-0].
  14. S. Pollone, Landscape Conservation and ancient routes. Historical Traces in Massa Lubrense Land, in Landscape as Architecture. Identity and Conservation of Crapolla cultural site, a cura di V. Russo, [Architettura e Restauro. Architecture and Restoration], Nardini editore, Firenze 2014, pp. 289-308 [ISBN 978-88-404-0042-6].
  15. S. Pollone, La necropoli di Porta Nocera: un percorso di memorie, in Pompei accessibile. Linee guida per una fruizione ampliata del sito archeologico, a cura di R. Picone, L’Erma di Bretschneider, Roma 2014, pp. 287-297 [ISBN 978-88-913-0672-2].
  16. S. Pollone, L'Immacolatella nel Porto di Napoli: dall’abbandono alla riaffermazione di un’identità "migrante", in Visibile e invisibile: percepire la città tra descrizioni e omissioni, Atti del VI Congresso AISU (Catania, 12-14 settembre 2013), a cura di S. Adorno, G. Cristina, A. Rotondo, Scrimm Edizioni, Catania 2014, pp. 252-259 [ISBN 978-88-98547-05-0].
  17. S. Pollone, Paestum tra iconografia e restauro: interpretazioni ed esiti operativi, in Città mediterranee in trasformazione. Identità e immagine del paesaggio urbano tra Sette e Novecento, Atti del VI Convegno Internazionale di Studi (Napoli, 13-15 marzo 2014), a cura di A. Buccaro, C. de Seta, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 2014, pp. 1071-1083 [ISBN 9788849528145].