Freschi di Stampa / Pubblicazioni

Questa pagina ha lo scopo di offrire un repertorio selezionato di studi e saggi ritenuti di particolare significato per la discussione sui temi del Restauro.
Si invitano i lettori a segnalare nuove pubblicazioni che possano suscitare interesse tra gli studiosi
all’ indirizzo pubblicazioni@sira-restauroarchitettonico.it

Responsabili della pagina web Freschi di Stampa/ Pubblicazioni
Federica Ottoni federica.ottoni@unipr.it, Andrea Pane andrea.pane@unina.it

Autore: Sara Di Resta, Luca Scappin, Emanuela Sorbo

FERDINANDO FORLATI NELLA RICOSTRUZIONE POSTBELLICA E NEL RESTAURO DEL NOVECENTO

IUAV, Venezia, 'raw'))) ?>

Grazie ad un prezioso lascito degli eredi, l’Archivio Progetti dell’Università Iuav di Venezia conserva il fondo Ferdinando Forlati. Foto, lettere, documenti, disegni ripercorrono la storia progettuale del Soprintendente ai Monumenti di Venezia poi Proto di San Marco: l’archivio descrive gli eventi, i dibattiti, i personaggi, i monumenti dei grandi casi fondativi del restauro del Novecento attraverso la vita di Ferdinando Forlati.

Gli studi e le ricerche condotte raccontano delle protezioni, dei bombardamenti e della ricostruzione dei monumenti dopo la Prima e la Seconda Guerra Mondiale, analizzano le sperimentazioni e l’utilizzo
di tecnologie moderne nei sistemi di consolidamento e restauro, descrivono le forme di intervento nel rapporto tra ricomposizione dei frammenti e reintegrazione delle lacune, rendono visibile l’azione costante e immanente del progetto che muta la città.

I testi, articolati in tre sezioni (Immagini di Città, Mezzi costruttivi modernissimi e La reconstruction artistique en Italie) documentano con foto e disegni appartenenti al fondo archivistico Ferdinando Forlati depositato presso l’Università Iuav di Venezia la storia progettuale di Ferdinando Forlati e la intrecciano con l’epica nazionale della ricostruzione postbellica e della sperimentazione tecnologica del restauro nel Novecento.

Per Saperne di Più

Autore: Maria Letizia Accorsi

Da unità sistemica a configurazione episodica. I giardini pubblici di Testaccio a Roma

Edizioni Quasar, Roma, 'raw'))) ?>

Lo studio intende indagare il sistema costituito dal parco pubblico di Monte Testaccio e dai due settori del parco Cestio – l’uno collocato alle spalle dell’edificio postale di Adalberto Libera e Mario De Renzi, l’altro posto di fronte oltre la via Marmorata – che appaiono oggi fra loro del tutto sconnessi. Attraverso la ricca documentazione testuale e grafica, in parte inedita, è possibile tracciare l’iter dei diversi progetti, corredati dai dibattiti che hanno accompagnato la fase decisionale; ne emerge il ruolo prioritario assegnato alle viste scenografiche verso le vestigia dell’antichità, l’importanza monumentale riconosciuta al paesaggio storico o storicizzato dall’opera di artisti e letterati del passato, nonché l’attenzione per il patrimonio arboreo in sé.

Per Saperne di Più

Autore: Simona Benedetti, Roberta Maria Dal Mas, Ilaria Delsere, Fabrizio Di Marco

Gustavo Giovannoni. L’opera architettonica nella prima metà del Novecento.

Campisano Editore, Roma, 'raw'))) ?>

Negli ultimi anni la figura di Gustavo Giovannoni è stata oggetto di ripetute analisi, in buona parte riguardanti i suoi fondamentali apporti alle teorie del restauro architettonico e urbano. Eccettuati i contributi sulla fabbrica della Birra Peroni rimane poco approfondita la sua attività di progettista, che egli svolge parallelamente all’articolato corpus di elaborazioni teoriche, metodologiche e didattiche, oggetto di particolare attenzione da parte degli studiosi. In questo volume si prendono in esame alcune opere, scelte in un ventaglio di tipologie di committenza pubblica e privata (ville, villini, palazzi, edifici pubblici, alberghi, edifici antisismici, rifugi montani, edifici scolastici, chiese, monumenti funebri), che Giovannoni progetta e realizza nell’arco dei primi quarant’anni del Novecento. La ricerca si è avvalsa prevalentemente del materiale documentario conservato nell’archivio personale dell’ingegnere romano, custodito a Roma presso il Centro di Studi di Storia dell’Architettura, Casa dei Crescenzi. La lettura critica delle architetture analizzate, svolta attraverso confronti diretti con opere coeve e riscontri con documentazione di altri archivi pubblici e privati, delinea un denso catalogo di progetti e di opere edificate, alcune delle quali inedite, che contribuiscono ad approfondire ulteriormente la figura del fondatore della Scuola Superiore di Architettura di Roma nel contesto storico-culturale italiano dei primi decenni del XX secolo.

Per Saperne di Più